Disegno e fondamenti di meccanica applicata

espandiDisegno e fondamenti di meccanica applicata

Codice identificativo insegnamento: 077933
Programma sintetico:

Per il modulo di Disegno:
Concetti generali. Linguaggi per la comunicazione tecnica. Il processo di sviluppo-prodotto e la classificazione degli strumenti per la modellazione e la simulazione di macchine e dispositivi. Evoluzione dei sistemi computer-aided per la rappresentazione e la modellazione geometrica;
Fondamenti di modellazione solida. Schemi di rappresentazione per solidi. Modelli B-rep e CSG. La modellazione feature-based. Tipi di features;
Tecniche di rappresentazione 2D. Viste ortografiche. Sezioni. Layout di un disegno 2D. Quotatura;
Modellazione parametrica. Approcci procedurale e variazionale (cenni). Features parametriche. Rappresentazione delle regole e dei criteri di dimensionamento di una parte. Famiglie di parti;
Elementi di geometria computazionale. Rappresentazione di curve e superfici. Curve di Hermite, Bézier, B-spline, NURBS. Dalle curve alle superfici: superfici di Hermite, di Bézier, B-spline, NURBS (cenni);
Modellazione di assiemi. Architettura di un sistema e vincoli tra le parti. Tipi di vincoli. Tolleranze dimensionali. Cenni sui principali tipi di collegamenti meccanici. Rappresentazioni di assieme: disegni 2D, esplosi. Parametrizzazione di modelli d’assieme;
Simulazione del movimento. Tecniche utilizzabili. Rappresentazione dei vincoli e metodi numerici. Valutazioni di interferenza.

Per il modulo di Fondamenti di Meccanica Applicata:
Generalità sulle macchine e sulla scelta dei modelli per la schematizzazione di sistemi meccanici.
Richiami di cinematica e dinamica di sistemi riconducibili al "punto materiale": cinematica e dinamica; moti relativi; esempi applicativi.
Modelli riconducibili al "corpo rigido in moto piano": caratterizzazione dei tipi di moto e delle azioni d'inerzia; analisi cinematica e dinamica; esempi applicativi.
Analisi meccanica di sistemi schematizzabili da "catene di corpi rigidi": cinematica e dinamica, determinazione di velocità, accelerazioni e azioni d'inerzia; equazioni di equilibrio dinamico; impostazione di bilanci energetici; esempi applicativi.
Dinamica delle macchine: classificazione delle macchine; fattori della potenza; esempi applicativi.
Azioni mutue scambiate tra elementi delle macchine: attrito, usura, rendimento; rendimento di alcune macchine elementari, cenni sulla lubrificazione; esempi applicativi.
Macchine in regime "assoluto" costituite da motori trasmissioni e utilizzatori: criteri di scelta dei e parametri caratteristici dei componenti della macchina; costruzione della curva caratteristica di motori; curva caratteristica di alcuni utilizzatori; esempi applicativi.
Adattamento delle velocità mediante trasmissioni: generalità; energia dissipata e rendimento; esempi di organi di macchine quali rotismi piani ed epicicloidali, cambi, trasmissioni a cinghia, variatori di velocità, innesti a frizione e freni. Comportamento delle macchine sia a regime che durante i transitori di avviamento o frenata.
Generalità sulle vibrazioni meccaniche: cenni sui sistemi vibranti ad un grado di libertà liberi e forzati.

Appunti:

 

Prima prova in itinere:

  • Tema 21/11/16 - Nota: senza soluzione

 

Seconda prova in itinere:

 

Appelli d'esame:

 

 

 

Edit